Danny Paul Grody

Danny Paul Grody, ossia fondatore dei sempre lodati Tarentel e mente delle evanescenze jazz marchiate Drift. Qui, per la prima volta, in veste solista, scegliendo intrecci di chitarra con retaggi Aerial M.
“Fountain“, questo il titolo dell’album, scorre fra rimandi post e lontani echi folk, bilanciando atmosfere acustiche ed elettriche intrise di una sottile malinconia svagata. A tratti parvenze soft noise sporcano un substrato fatto di immagini in movimento alla moviola, cristalline nell’impatto eppure introspettive attraverso un timido assolutismo strumentale che, a sorpresa, talvolta riesce persino a trovare colori chiari ed estivi. Disco riservato e raffinato.

MP3 Danny Paul GrodyEve

MP3 Danny Paul GrodyWeel Wisher

MySpace: Danny Paul Grody

D.P.Grody

Share

Annunci

Frog Eyes

Sono passati circa tre anni da “Tears Of The Valedictorian“, impetuosa ed imponente opera dei Frog Eyes apprezzata un po’ dappertutto. Oggi è cambiata la label (da Absolutely Kosher a Dead Oceans), ma i seguaci di Carey Mercer e soci possono restare sereni e tranquilli, perchè la griffe nulla muta nel suo orgiastico stile musicale.
Nel nuovo “Paul’s Tomb: A Triumph” (uscita prevista fine aprile) pathos e fragore si abbracciano stritolandosi a vicenda, esaltando il furore attraverso una dilatazione talmente urticante da lasciare sbalorditi, fra strepiti, screzi elettrici ed emozionalità alcolica. Da un punto di vista sostanziale apparirà mistificatorio, ma intorno all’album si percepisce un respiro punk ben più concreto rispetto a quello rintracciabile in altri lidi formalmente legati ad un presunto approccio purista. Questione di testa. E di attitudine, che qui appare sconfinata.

MP3 Frog Eyes A Flower In A Glove

MySpace: Frog Eyes

Frog Eyes

Share

Guano Padano

Ci sono voluti due anni di lavoro ai Guano Padano per mettere insieme questo disco d’esordio ma, considerando i numerosi impegni dei musicisti coinvolti ed il risultato finale, non ci si può certo meravigliare del fatto che si sia voluto fare le cose con gran cura. Dietro questa misteriosa sigla si nascondono infatti tre personaggi che, per chi segue con un po’ di attenzione sia le retrovie che i sentieri maggiori della musica italiana, dovrebbero essere nomi non nuovi: Alessando “Asso” Stefana, chitarrista, oltre che aver offerto le proprie corde a Capossela e a Mike Patton, ha pure una sua carriera di musicista di ricerca, con già un album alle spalle; il batterista Zeno De Rossi, anch’esso nella band di Vinicio, è invece, insieme al terzo membro, il bassista Danilo Gallo, colonna portante dell’etichetta free-jazz El Gallo Rojo, label per cui hanno ideato e suonato in diversi progetti. Musicisti di gran talento ed immaginazione insomma, che in questo nuovo outfit, si dedicano alla rivisitazione immaginifica della colonna sonora western morriconiana, del desert rock, di quei suoni ai confini della Frontiera col Messico, che abbiamo amato intensamente attraverso i dischi dei Friends Of Dean Martinez o dei Calexico. Proprio Joey Burns è uno dei maggiori estimatori di questo progetto che, fatto di un certo peso, esce per una tra le più interessanti etichette americane underground del momento. Ed un po’ per il calibro degli ospiti presenti nel disco, un po’ per la qualità di una scrittura che sorprende ad ogni tornante, un po’ per l’abilità nel tratteggiare degli arrangiamenti capaci di portare linfa per molti versi inedita a queste sonorità, queste sono canzoni che non possono lasciare indifferenti e che trafiggono in egual misura viscere e cervello, posizionandosi tra le migliori cose sentite ultimamente. L’attacco, con un pezzo che si chiama come la band, è subito indicativo: si tratta di un surf-rock funambolico, con una chitarra elettrizzante ed una seconda parte che spiazza prendendo il volo grazie al sax alto imbizzarrito di Piero Bittolo Bon. A Country Concept si esplica tutta attraverso il suo nome, con una partenza astratta ed allucinata (in cui troviamo al dobro Gary Lucas, chitarrista alla corte sia di Captain Beefheart che di Jeff Buckley) ed uno sprofondare progressivo tra le maglie del più corposo desert rock. Classico immediato la successiva El Divino (romanticissimo tripudio d’archi, chitarre ed altro), dove per riportare alla luce le atmosfere western di Morricone, è stato chiamato a fischiare il celeberrimo Alessandro Alessandroni, presenza che poi ritroviamo anche in Bull Buster, uno dei pezzi più belli del disco, dove Stefana furoreggia come un novello Marc Ribot sia al banjo che alla chitarra elettrica. La sua sei corde si fa notare spesso nell’album, vedi ad esempio il solo torcibudella presente nella spettacolare cover di Ramblin’ Man di Hank Williams, cantata tra l’altro da un superlativo Bobby Solo, o il suo svisare sulla solida base ritmica di Jack Frost. Ma anche Gallo e De Rossi imprimono con forza la loro personalità in queste canzoni; il primo, ad esempio, scrivendo, arrangiando e suonando vari strumenti in uno dei brani più compositi e cangianti in scaletta, la meravigliosa e profumata di Mexico Danny Boy; il secondo palesando una fantasia ritmica in tutte le tracce, che così non si adagiano mai sui sentieri dell’ovvio. Un album spettacolare insomma, capace di stare in bilico tra il semplice piacere d’ascolto, che non viene mai a mancare, e la ricerca musicale brillante e a tratti ardita. Consigliatissimo!

Mp3 Guano Padano: Bull Buster [Audio https://takethesongsandrun.files.wordpress.com/2010/02/05-bull-buster.mp3%5D

My Space: Guano Padano

Song Of The Day: Trouble Books – Houseplants

Torna a marzo la riservatezza dei Trouble Books, sempre in bilico fra intimità ambientale e folk-pop tanto sognante quanto soffusamente sporco. A tratti, in “Gathered Tones, sembra di intravedere i primissimi Broadcast alla ricerca di qualche visione cantatuorale. In breve: la consueta timidezza, necessaria ed intransigente nel rifiutare ogni fragore, eccetto quello emotivo.

MP3 Trouble BooksHouseplants

MySpace: Trouble Books

Trouble Books

Share

Song Of The Day: S – Save Me

Dietro il moniker S si nasconde Jenn Ghetto, già conosciuta nella griffe Carissa’s Wierd e passata di recente in Italia. Ad aprile, in fuga solitaria o quasi, uscirà con l’album “Im Not As Good At It As You“, garantito dalla sempre ottima Own Records. Onestà autorale in screziature folk. Forse non ancora pienamente compiute, di certo dal notevole potenziale.

MP3 SSave Me

MySpace: S

Jenn Ghetto

Share