Song of the day: Mint Mile – Likelihood

Mint Mile giungono finalmente all’esordio sulla lunga distanza, dopo tre EP in altrettanti anni. L’album s’intitola Ambertron è uscirà il 20 marzo.
I Mint Mile sono il progetto musicale di Tim Midyett (Silkworm, Bottomless Pit, SUNNO)))), qui accompagnato da Jeff Panall (Songs: Ohia), Justin Brown (Palliard), Matthew Barnhart (Tre Orsi), Howard Draper (Shearwater, Tre Orsi), Greg Norman (Bitter Tears).
Il singolo che anticipa l’album è Likelihood, un fenomanale biglietto di presentazione e una cavalcata degna del miglior Neil Young.

“Baritone guitar, pedal steel, rock solid rhythms predominate, with keyboards, strings, horns, and atmosphere woven into the mix as expert spices”.

 

 

 

 

 

Timothy

Timothy è un artista di Malmö che si è recentemente trasferito a Bristol. Home è il suo nuovo singolo ed è uscito lo scorso 14 febbraio.
Un nuovo cantautore folk di cui innamorarsi perdutamemte.
Dice a proposito di Home: “a melancholic song travelling through a landscape of classicism, the modern age and haunted vocals. Telling a story of one longing for home and the emptiness that can occur of moving away from that.
I wrote this song whilst moving away from my hometown and also moving to a new country. Meeting new people and hearing their stories made me inspired to write about their life and also reflect on my own”.

 

Time Is Fire

Giungono all’esordio sulla lunga distanza i Time Is Fire, gruppo di Washington, DC, guidato dal frontman iraniano e poeta Sufi, Kamyar Arsani. L’album è intitolato In Pieces, esce questo venerdì ed è stato prodotto dal batterista dei Fugazi, Brendan Canty.
Punk, dance, groove funk, chitarre acide: un gran bell’esordio.
Su Bandcamp potete ascoltare tre brani; partite dalla bellissima “We Declare”, non ve ne pentirete.

Facebook: Time Is Fire

 

Song of the day: Johnny Franco – Immediate Love

Un artista brasiliano che si è fatto conoscere suonando per le strade di Portland, Oregon e che ora giunge al debutto con un EP, “Experience Report #1”, pubblicato dall’etichetta del rinomato artista/produttore Sterling Fox (Blanket Fort Records) e in uscita la prossima primavera.
Johnny cita come influenze Kurt Vile, Mac DeMarco, Alabama Shakes, Black Keys e io, dopo aver avuto la fortuna di ascoltare l’EP, l’amo già. D’altronde è Immediate Love.