my little airport

Ultimamente sto scaricando un po’ di materiale pornografico quando sono al lavoro. Filmetti, più che altro. Che mi sparo in ufficio, tra una progettazione e l’altra. Non è che sia un fanatico di queste cose, tutt’altro. Li trovo banali, perlopiù. E’ che guardandoli, il mio organismo carica endorfine che mi alleviano il dolore provocato da una fastidiosissima ernia discale. Problemi di postura dovuti al lavoro al pc, chiuso nel recinto di ingrasso del mio ufficio.
Non so perchè vi racconti questo, quando dovrei parlarvi dei My Little Airport da Hong Kong. Anzi, lo so. Come per i film porno, dai MLA non ci si aspetta grandi cose. Sappiamo già dove andremo a parare, basterà guardare la copertina (la bella foto di due sorridenti ragazze asiatiche che sta su “Zoo Is Sad, People Are Cruel”) o soffermarsi sui fantasiosi titoli, per capire che il sound che incontreremo, di lì a poco, ci piacerà e parecchio, mettici dentro pure il fascino orientale, perdendoci beatamente nella traduzione. Ma proprio per tutti questi motivi ci piacciono. Perchè suonano leggiadri e pop, in quel senso là, trasversale e minimale. Perchè infarciscono il tutto con tastierine e vocine, coretti bubble-gum, senza inventarsi chissà quali diavolerie. You Smile Like A Blossom, The Ok Thing To Do On Sunday…, When I Listen To The Field Mice, sono solo qualche esempio dei loro bozzetti semi-acustici. E basterà ascoltarli per farvi passare qualche piccolo dolore.

Mp3: The Ok Thing To Do On Sunday Afternoon Is To Toddle In The Zoo

MySpace: My Little Airport

Web: My Little Airport