Song Of The Day: Danny Paul Grody – Yesterday, Without End

WebSite: Danny Paul Grody

Danny Paul Grody

Annunci

Song Of The Day: Danny Paul Grody – Hidden Valley

WebSite: Danny Paul Grody

WebSite: Audioscope

Danny Paul Grody

Song Of The Day: The Drift – Horizon

Artist: The Drift
Album: Horizon
Place of origin: San Francisco
Label: Temporary Residence
Featured Track: Horizon
Links: Facebook | Soundcloud | Bandcamp | WebSite
Buy: Temporary Residence (out October 4th)

MP3 The Drift Horizon

drift

Danny Paul Grody

Danny Paul Grody, ossia fondatore dei sempre lodati Tarentel e mente delle evanescenze jazz marchiate Drift. Qui, per la prima volta, in veste solista, scegliendo intrecci di chitarra con retaggi Aerial M.
“Fountain“, questo il titolo dell’album, scorre fra rimandi post e lontani echi folk, bilanciando atmosfere acustiche ed elettriche intrise di una sottile malinconia svagata. A tratti parvenze soft noise sporcano un substrato fatto di immagini in movimento alla moviola, cristalline nell’impatto eppure introspettive attraverso un timido assolutismo strumentale che, a sorpresa, talvolta riesce persino a trovare colori chiari ed estivi. Disco riservato e raffinato.

MP3 Danny Paul GrodyEve

MP3 Danny Paul GrodyWeel Wisher

MySpace: Danny Paul Grody

D.P.Grody

Share

The Drift

Personalmente nei riguardi dei Tarentel nutro, ormai, più curiosità che speranza. Passati i meravigliosi tempi di “From Bone To Satellite”, le peregrinazioni appaiono, se non incerte, quantomeno discutibili, pur non mancando spesso di sostanza.
Meglio sembra l’altra parte del mondo di Danny Grody, griffata Drift e pronta a proporre il nuovo “Memory Drawings”. Sempre aperta ad evoluzioni continue, non vuole, tuttavia, rinnegare un approccio emotivo intransigente nella dilatazione delle composizioni. Il dramma di un brano introspettivo come “Lands End” mostra con chiarezza talento e qualità. Sono diversi e variegati i colori sulla tavolozza, con i paradigmi del post rock utilizzati per sviare le concrete intenzioni. Jazz aperto e mai eccessivamente cerebrale, dub personale ed intimo, attimi spaziali destinati a richiudersi in una curiosa stanza accogliente, non restia ad intrusioni elettroniche sincopate. I frequenti tour con i compagni di etichetta (la solita Temporary Residence) hanno fatto scartare il gruppo dalle pregevoli intuizioni del debutto (“Noumena”) alla consapevolezza palese e quasi arrogante di oggi
Visto che saranno all’ATP organizzato dagli Explosions In The Sky avremo la possibilità di una controprova dal vivo. Le premesse sembrano ottime.

MP3-The Drift- Invisible Cities
Website The Drift
The Drift