Milhaven

Persuasi da quasi ogni uscita Valeot Records, non siamo sorpresi dall’arrivo dei Milhaven nel roster della label austriaca. Strumentalità post rock, gusto eccellente, atteggiamenti cinematici e scrittura tanto evocativa quanto concreta. Arrivata ad un terzo album omonimo (i primi due usciti per 12rec.), la band tedesca si mette a metà via fra Explosions In The Sky e Do Make Say Think, trovando un equilibrio raro e convincente.

MP3 Milhaven: Barnabas

MP3 Milhaven: Miami Jesus

MySpaceMilhaven

milhaven

Slon

Viennesi, presentati dalla Valeot Records (la stessa label dei qui molto apprezzati Tupolev), in bilico fra emozionalità post e deragliamenti math. I brani del loro esordio sulla lunga distanza, “Antenne” (uscito il 9 Aprile), più che ad una lunga cavalcata appaiono affini ad un collage strumentale senza soluzione di continuità ed ostile a qualsiasi concetto legato alla monotonia. In breve: alto cerebralismo e presumibile impatto fisico. Da seguire con attenzione.

MP3 Slon Sojus

MySpace: Slon

Slon

Tupolev

Sfumature e ricercatezza, (fasulla) apatia mascherata da avanguardia ed atmosfere classiche per il nuovo millennio. Sono austriaci, i Tupolev, e, dopo l’omonimo Ep di debutto, sorprendono con un esordio sulla lunga distanza talmente consapevole da far pensare ad una band con una lunga storia alle spalle.
Invece “Memories Of Björn Bolssen” (Valeot Records) rappresenta il primo disco e, per scoprire qualcosa in più sugli eredi di Walter Schachner e Herbert Prohaska (cit.), dovremmo dirigerci verso alcun progetti paralleli (Slon, Alexandr Vatagin) o curiosare fra le svariate collaborazioni, come quella con i nostri Port-Royal. Indagando qualcosa si può intuire, ma nulla chiarifica come l’ascolto di un album tanto vicino a una presunta sperimentazione quando accogliente per chi determinate melodie pop preferisce osservarle attraverso un’ottica non canonica. Così arrivano ricami jazz e retaggi folk, persuasivi nell’impatto emotivo basato sul duopolio vuoto/pieno, scritto da una penna strumentale in preda a follie narcolettiche e delicatamente cerebrali, soprattutto se paragonata a quella di un’altra ottima realtà attuale come i Balmorhea.
Sembrano abbandonarsi alle loro idee, i Tupolev, senza per questo sfiorare autoreferenzialità ed eccessi vari. Oppure sono semplicemente intransigenti nel dettagliare l’aspetto emozionale tramite ansie accennate e luci mai abbaglianti. Una musica sfocata, come un’immagine fuori fuoco terribilmente esaustiva nel raccontarsi.

MP3 Tupolev- Movahedi
MySpace Tupolev

Tupolev