Impossible Hair

Profumo di Guided By Voices e Pixies (oltre al sapore dei – fenomenali – Party Of One). Senza particolare diletto verso la ricerca innovativa. Perchè a volte non se ne sente veramente il bisogno. Impossible Hair ed il loro primo album “What Is The Secret Of Impossible Hair?”. Una ventata di freschezza. Sempre gradita da queste parti.

MP3 Impossible Hair 1959

MP3 Impossible HairHave You Got The Dog

MySpace: Impossible Hair
Website: Impossible Hair

Impossible Hair

Annunci

The Piano Creeps

Innocenza e calore, senza per questo sfiorare (mai) il melenso. “Future Blues (for me and you)” dei Piano Creeps (uscito per Kora Records sul finire del 2008) è un disco pacatamente lussurioso, figlio di chitarre in bilico fra l’infantile ed il rassicurante, con la malinconia a lottare per la vana speranza di fermare il tempo. Sarà sconfitta, ma va bene così. A condurre le danze Billy Coté, Mary Lorson e Kathy Ziegler.

MP3 The Piano CreepsHey Love

MySpace: The Piano Creeps

The Piano Creeps

Sholi

La Touch and Go è un’etichetta che non ha sicuramente bisogno di presentazioni. I miei gruppi preferiti per anni hanno fatto uscire i loro dischi per questo marchio eccezionale: Slint, Dirty Three, Girls Against Boys, The Jesus Lizard, Blonde Redhead, Polvo e via così fino ai recenti All The Saints, il cui Fire On Corridor X è stata una delle uscite più interessanti dell’anno.
In contemporanea sono da poco stati pubblicati i dischi dei Mi Ami (dalle ceneri dei Black Eyes), di cui sicuramente si parlerà molto nei prossimi mesi, e degli Sholi, band che rischia invece di passare colpevolmente inosservata.
Trio mastino di San Francisco, hanno pubblicato qualche EP prima di arrivare allo splendido disco omonimo.
L’album si apre con All That We Can See (brano presente anche sul Tour Ep scaricabile gratuitamente), caratterizzato da una ritmica spezzata che introduce una voce capace di mettere d’accordo Geoff Karate Farina (del periodo pre – Pino Daniele) con la psichedelia, e continua con Torniquet, dall’incedere in cinque che tira dritto come si deve. Uno dei miei pezzi preferiti è November Through June, filastrocca emotiva memorabile.

MP3 Sholi – Torniquet

MySpace: Sholi
Website: Sholi

l_de0f4daa2e0ee4bce6f58860e4f10dc3

Sara Lov

The Young Eyes EP” è stato l’aperitivo, “Seasoned Eyes Were Beaming” rappresenterà il pasto completo: dagli antipasti alla grappa (bianca e morbida). Perchè Sara Lov, amata nei Devics e apprezzata pure nelle fughe solitarie, mostra, nell’occasione, ogni qualità, lasciando ai dubbiosi poca roba su cui macerarsi. Con Dustin O’Halloran a mettere la mano in tre brani (il piano di “Just Beneath The Chords” è esaustivo) e la presenza della consueta cover (“Old Friends” di Paul Simon) ad aggiungere consapevolezza.
Intima e delicata, furbetta senza spettinare (quantomeno volontiariamente. Ed oggi è grande merito), minimalista e ricca di eleganza (quasi eccessiva, se è lecito scriverlo). Alla fine della fiera, comunque, sono solo applausi. Il pranzo, in Italia, avverrà il 3 Aprile.

MP3 Sara LovJust Beneath The Chords

MP3 Sara LovOld Friends

MySpace: Sara Lov
Website: Sara Lov

Sara Lov

Dear Reader

Da Johannesburg arrivano i Dear Reader, band sudafricana tra le poche a essere state invitate a suonare al prestigioso SxSw di Austin. Il gruppo in realtà non è al primo disco. Motivi legali li hanno obbligati a cambiare nome. Come Harris Tweed hanno pubblicato nel 2006 The Younger, album di cui un pezzo è anche circolato su MTV. Arrivano quindi al loro secondo lavoro, dopo il cambio nome, con l’aiuto di Brent Knopf dei Menomena, che invitano alla produzione. “Replace Why With Funny” esce in questi giorni per la City Slang, e si preannuncia come un disco che farà felici gli estimatori di Regina Spektor e Laura Veirs. La bella Cherilyn MacNeil trova melodie vocali convincenti accompagnandosi con gusto al pianoforte. Il resto del gruppo arrangia con efficacia. Disco gradevolissimo, a rischio di successo.

MP3 Dear ReaderDearheart

MySpace: Dear Reader
Website: Dear Reader

l_084680fe5a8b4ee5a02d90f488ffede81

Francis and Louis

E’ bello imbattersi in artisti sconosciuti e scoprire di amarli solo dopo un paio di ascolti. E’ quello che mi è successo capitando sul sito MySpace di un duo di ragazze di Norwich, Francis and Louis.
Non so nulla di loro. Francis ha trascritto, nella sezione influenze del succitato sito, una strofa di “Hundreds Of Sparrow”, uno dei miei brani preferiti di Sparklehorse. Louis, invece, una strofa di “All I Need” dei My Bloody Valentine. E’ già un ottimo punto di partenza. Come un ottimo punto di partenza, per una carriera che mi auguro piena di soddisfazioni, sono i brani folk acustici del duo inglese, che si reggono sull’intreccio delle splendide voci di Francis e Louis.
Pare che le ragazze abbiano firmato con l’etichetta inglese Bare-Feet Records. Attendo il loro esordio. Sono sicuro che presto sentiremo parlare di Francis and Louis.

MP3 Francis and Louis – One Two

MP3 Francis and Louis – Right or Wrong

MySpace: Francis and Louis

Francis and Louis

Featured Label #2: Badman Recording Co.

Etichetta indipendente con sede a Portland; è gestita da Dylan Magierek, produttore rinomato (Mark Kozelek, Erlend Øye, Laura Gibson, Call and Response) e artista in proprio (Misc.).

Badman, Has It Really Been 10 Years?Misc.
“A Little While” (MP3)
from “Badman, Has It Really Been 10 Years?”
(Badman Recording Co)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

StarfuckerStarfucker
“German Love” (MP3)
from “Starfucker”
(Badman Recording Co)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

La LamentorWeinland
“God Here I Come” (MP3)
from “La Lamentor”
(Badman Recording Co)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

We Walked In SongThe Innocence Mission
“Into Brooklyn, Early in the Morning” (MP3)
from “We Walked In Song”
(Badman Recording Co)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album

Winds Take No ShapeCall And Response
“Trapped Under Ice” (MP3)
from “Winds Take No Shape”
(Badman Recording Co)

Buy at iTunes Music Store
More On This Album